Weigel sul Sinodo sulla famiglia