volano gli stracci,prodezze, felpa proibita, Socci

volano gli stracci,prodezze, felpa proibita, Socci


Nel Pd volano stracci e insulti fra Renzi e Bersani, il quale Bersani è riuscito nel capolavoro di perdere le elezioni e pure il dopo elezioni, infilando il suo partito in un vicolo cieco con tutti contro tutti, mentre il paese balla sull’orlo di un cornicione.

Ancora dice no al governissimo, lo smacchiatore dei giaguari, vuole ancora fare un governo solo suo senza avere i voti e non si capisce più a chi sta chiedendo l’appoggio: sta facendo come se avessimo votato ieri, e invece è passato un mese e mezzo e stiamo ancora a carissimo amico. Ma poi uno guarda la faccia di Gotor, il suo consigliere, ne sente tre frasi qualsiasi e capisce tante cose, per esempio perché siamo arrivati a queste sabbie mobili.

Intanto rischiamo di avere Prodi alla Presidenza della Repubblica. Cioè quello che – per ricordare qualche “prodezza”, appunto - al tempo del sequestro Moro, dichiarò solennemente che durante una seduta spiritica il “piattino” gli aveva suggerito che Moro era prigioniero a Gradoli. Moro in effetti era nascosto in Via Gradoli a Roma, ma lo cercarono in un paese chiamato Gradoli, e chiaramente non lo trovarono. Nessuno ha mai creduto alla fesseria della seduta spiritica (ma non poteva inventarsene una meglio?) e tutti pensarono che non voleva svelare la fonte che gli aveva passato la soffiata. Ancora oggi non se ne sa niente di più.

Altre “prodezze” sono state il catastrofico cambio euro-lira, che ha raddoppiato i prezzi e dimezzato lo stipendio a tutti, e la demolizione mediante svendita della grande industria italiana (le privatizzazioni dell’IRI, ricordate?), tanto per fare qualche piccolo esempio. Prodi al Quirinale sarebbe peggio di Scalfaro, e ho detto tutto. E sette anni sono lunghi. Speriamo nei miracoli, che però per accadere richiedono sempre una qualche forma di collaborazione dagli aspiranti miracolati, e qua non mi pare sia aria.

Due segnalazioni. La prima: su Tempi potete leggere l’intervista a Frank Talleu,  il francese multato per la felpa proibita, quella con il disegno di una famiglia normale, cioè dove si riconoscono un padre maschio e una madre femmina, insieme a due bambini. Ci stiamo organizzando per far venire le felpe incriminate in Italia (adesso si possono comprare sul sito della manifestazione ma solo in Francia), e vi terremo informati per le modalità con questo sito.

Seconda segnalazione. Antonio Socci oggi ha scritto un pezzo molto interessante su Fatima e Papa Francesco. Leggetelo, eccolo qua. Per la cronaca, venerdì ad ascoltarlo a Perugia, nella grande chiesa di S. Lucia, eravamo più di mille. Una serata strepitosa.