toni dittatoriali

toni dittatoriali


ELUANA: ROCCELLA, QUELLO DI GRECHI E' UN TONO DITTATORIALE

(AGI) - Roma, 31 gen. - "Sono toni dittatoriali, poco comprensibili in democrazia". Cosi' il sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella commenta l'intervento sul caso di Eluana del presidente della Corte d'appello di Milano Giuseppe Grechi, che ha invitato la politica ad applicare le sentenze. "Intanto - replica Roccella, interpellata dall'Agi - le sentenze in democrazia si possono commentare e giudicare, visto che vige il libero gioco delle opinioni. Poi vorrei ricordare che il decreto della Corte d'Appello di Milano con cui si danno disposizioni per la morte di Eluana non e' definitivo, ne' puo' esserlo. Lo e' la sentenza della Cassazione, ma non il decreto, visto che le condizioni sono sempre variabili, ed Eluana, ad esempio, potrebbe vedere modificato il suo stato clinico. I sostenitori della morte di Eluana - attacca il sottosegretario - giocano sull'equivoco in modo ambiguo, ma un decreto e' rivedibile sempre". Grechi ha invitato chi si oppone alla sentenza ad impugnarla, ma la Roccella obietta: "Chi la puo' impugnare? Ci ha provato la Procura e si e' risposto che non aveva la possibilita' di riaprire la questione, ci hanno provato le associazioni a Bruxelles con identico risultato. Non si e' mai riusciti ad entrare nel merito, ci dica Grechi chi puo' legittimamente impugnare la sentenza, visto che gli unici titolati sembrano essere il padre e la curatrice che pero' sono dalla stessa parte". Un ricorso che sarebbe opportuno, secondo la Roccella, "visto che ci sono testimonianze diverse che vengono raccolte, c'e' un esposto a Milano che potrebbe riaprire la questione sulla volonta' di Eluana".