RU486, il controllo che non c’è