Mille modi per nascere

Mille modi per nascere

Un bel bambino di pochi mesi disteso sulla schiena e nudo, occhi azzurri e dito in bocca, campeggia sulla copertina del settimanale americano Time nel primo numero dell’anno. Una scelta non casuale, col titolo che ne spiega il senso: The future of the babies, «Il futuro dei bambini». Gene editing, trapianto di utero, tre genitori biologici: sono i sottotitoli che indicano come si può venire al mondo al tempo delle biotecnologie. E quello ritratto non è un bebè qualsiasi ma il primo nato americano da una donna con un utero trapiantato.

per continuare a leggere il mio articolo su Avvenire clicca qua.