l’altolà alla Lega

l’altolà alla Lega


Molto istruttivo leggere ieri e oggi (Pasqua) il Corriere della Sera, per capire il suo nocciolo duro anticristiano. Già, perchè in apertura, ieri, c'era il caso della contestata predica  di Padre Cantalamessa, che il Corrierone ha volutamente messo in forte evidenza, trattandolo come il problema principale, mentre tutt'Italia si accapigliava per le dichiarazioni dei neo-governatori Cota e Zaia. In prima, ma con meno enfasi, "Aborto, Bossi frena i governatori leghisti: rispetteremo la legge", (ma Bossi non ha mai parlato) e due paginoni interni - diconsi due - che si riassumono con un ALTOLA' alla Lega. Addirittura un pezzo titolato "Il nuovo Miglio: il Carroccio eviti i temi etici, non sono vincenti", (il colmo dell'ironia: questo dopo che Cota ha vito grazie ai temi etici) e accanto foto di altri leghisti illustri apparentemente contrari ai due neo governatori, dalla compagna di Calderoli alla foto di Bossi, e ancora dichiarazioni del responsabile dei medici cattolici di Milano, protagonista di molte polemiche interne alla Chiesa. Fatalità, il Corrierone ha dimenticato che dopo il comunicato di Eugenia Roccella che difendeva i due neo-governatori e spiegava chi avesse le competenze per fare cosa, Luca Zaia l'aveva ringraziata pubblicamente, mettendo il tutto sul suo sito personale. Le agenzie hanno rilanciato più volte il tutto,  ma di questo, appunto, niente sul corrierone, e neanche sulla maggior parte degli altri "grandi" giornali. Insomma: hanno cercato di far passare come frenata, come stop dei due neo-governatori, uno stop che non c'è mai stato. Il grazie di Luca Zaia alla Roccella, ma anche le dichiarazioni di Roberto Cota, che potete leggere  qui e qua, dimostrano che c'è stata assoluta consonanza con il governo, in particolare con le posizioni della Roccella. Stano aspettando le linee guida ministeriali, e non hanno mai detto di non voler applicare le leggi dello stato. Il vero risultato che hanno ottenuto è che tutti i governatori appena eletti nel PdL - anche i finiani come Scopelliti e Polverini, e anche quello di area  socialista come Caldoro - si sono allineati su posizioni pro-life e pro-ricovero ospedaliero. E oggi, sempre sul Corriere, un editoriale di Galli della Loggia che blandisce la Lega, senza parlare della Ru486, e che indica un possibile futuro radioso per il partito, al di là del federalismo. La maggior parte degli altri giornali ha suonato la stessa musica. Conclusione complessiva: cari leghisti, avete vinto le elezioni, come caspita vi salta in mente di occuparvi di Ru486? Tornando al corriere, a pag.11, un velenoso e menzognero articoletto, che vorrebbe dare a bere ai lettori che "le donne" del PdL hanno reagito ai due neo-governatori leghisti, protestando. Tutte queste donne sarebbero due, la solita Prestigiacomo e tale Germontani, mai vista finora. Per quanto riguarda quel che pensano le donne del PdL, la Roccella, fino a prova contraria, fa parte del PdL come anche la senatrice Laura Bianconi, la deputata Isabella Bertolini, e poi la senatrice Simonetta Licastro Scardino, ma anche il vicecapogruppo PdL al consiglio regionale della Sardegna, Simona De Francisci: insomma, tutte queste donne del Pdl che hanno preso le difese dei due neo-governatori, perchè sono censurate? Indovina indovinello. Perchè in questi due giorni alla sola idea che la Lega prendesse in mano i "temi etici" tutti si sono terrorizzati. Già, perchè con il loro piglio deciso i due neo-governatori hanno spostato il fronte della battaglia, facendo apparire moderati quelli che chiedevano "solamente" il ricovero ordinario per la Ru486, e riaprendo il dibattito sull'aborto. Sulla Lega, si sa, sono tutti d'accordo che il loro punto forte è il legame con il territorio, e solo a pensare che potrebbero usarlo in certe battaglie....a qualcuno ha fatto venire l'itterizia (molto divertente, devo dire). A tutti tranne Avvenire, naturalmente, che in un bell'editoriale ha mostrato apprezzamento per i due neo-governatori, ricordando a tutti che solo qualche giorno fa, in piena campagna elettorale, c'era chi diceva che non erano questi i problemi pertinenti alle elezioni amministrative.... Ci sarà un seguito? Oppure tutto finirà qua? Vedremo.