Kenyatta, Obama e lo scontro sui diritti dei gay