Karima El Mahroug, legge 40

Karima El Mahroug, legge 40


E' tardi e non ho tempo di commentare a lungo. Ma un paio di segnalazioni le faccio, e magari domani o sabato ne riparliamo.

Guardate questo video: è Karima el Mahroug, che parla (quella che tutti conoscono come Ruby). Altrimenti, potete leggere qui il testo integrale delle sue dichiarazioni.  

C'è qualcuno disposto ad ascoltarla? Semplicemente, starla a sentire, e magari pensarci un po' su. Oppure si liquida lei, la sua persona, la sua famiglia, sua figlia, tutto da buttare perchè l'importante è colpire Berlusconi, echissenefrega se qualcuno ci va di mezzo e si rovina la vita più di quanto se la sia rovinata fino ad allora?

Oppure ci si trova tutti lì, a sperticarsi di lodi e ammirazione per Papa Francesco, per la sua vicinanza agli ultimi, ai più poveri, agli emarginati, ma questa no, neanche vale la pena perderci tempo a sentirla, marchiata a vita, per sempre Ruby?

C'è qualcunA dispostA almeno ad ascoltarla? Magari qualcuna di quelle scese in piazza un paio di anni fa, tutte infervorate a "difendere la dignità delle donne"? Solo ascoltarla: SE NON ORA, QUANDO?

Segnalazione n.2

Cambia il Papa, cambia il Parlamento, cambierà il Presidente della Repubblica, ma gli attacchi alla legge 40 restano sempre lì. Adesso c'è un tribunale milanese che interpella la Corte Costituzionale sulla legittimità del divieto dell'eterologa. Di seguito il comunicato di Eugenia Roccella, a riguardo.