il terremoto, le vecchie case di famiglia e i soldi non spesi (dalla regione Lazio)

il terremoto, le vecchie case di famiglia e i soldi non spesi (dalla regione Lazio)


Eravamo in tanti, come tutti gli anni, in vacanza nei paesini dell’appennino marchigiano. Quello dove ero io non è stato danneggiato – frazione Meriggio di Acquacanina, nel parco dei Sibillini, non più di una trentina di km in linea d'aria da Arquata – e ce la siamo cavata con un grandissimo spavento, una notte passata con vecchi e bambini in macchina, dove tutte le scosse ce le siamo sentite per intero, e la fuga veloce verso casa, la mattina dopo. Non è stato per me il primo terremoto, ma sicuramente il più pauroso, il più brutto.

Ma guardando i tiggì e ascoltando le storie, stavolta il cuore si è stretto un po’ di più rispetto ad analoghe, tragiche cronache del passato. 

Per continuare a leggere, clicca qui, su l'Occidentale.