Il Coronavirus ha chiarito che la respirazione non è una “terapia”

Il Coronavirus ha chiarito che la respirazione non è una “terapia”

Mai come nei due mesi di lockdown è parso chiaro a tutti gli italiani che vivere e morire non sono due opzioni equivalenti. Con l’eclissi della morte come “diritto”. Ne ho scritto oggi su Avvenire.