Feltri condannato per il caso Boffo

Feltri condannato per il caso Boffo


L'Ordine dei giornalisti di Milano ha condannato Vittorio Feltri a sei mesi di sospensione dalla professione per come si è comportato nei confronti di Dino Boffo, l'ex direttore di Avvenire dimessosi su un caso montato da Il Giornale, rivelatosi poi un falso clamoroso, per la maggior parte, e una notizia vecchia e senza alcun peso, dall'altra. Feltri è stato punito anche per aver fatto scrivere Renato Farina, prima su Libero e poi su Il Giornale, nonostante fosse stato radiato dall'Ordine. La reazione di Vittorio Feltri è stata tale da provocare la pubblicazione su Avvenire di un breve editoriale, a firma dell'attuale direttore Marco Tarquinio, che condivido pienamente, e riporto di seguito. Fino ad ora pure io ho sempre pensato che l'esistenza di un ordine dei Giornalisti non avesse senso. Ma se Feltri continua a parlare a vanvera, pensando di parlare in libertà, penso invece che un qualche tribunale che giudichi i comportamenti scorretti e intollerabili dei giornalisti sia invece molto utile. Avvenire 27.3.2010 L’ ALTRO EDITORIALE   VERITÀ E SCONCEZZE  MARCO TARQUINIO  Pochi lo sanno, pochi ci credo­no, ma anche i giornalisti han­no il loro tribunale. Un tribunale morale, ma con un potere vero. Se qualcuno di noi scrive «falsamen­te » e mette in circolo «informazio­ni non vere» e perciò «viola la di­gnità e l’onore » di una persona «compromettendo il rapporto di fi­ducia tra stampa e lettori» e tutto questo viene provato, per lui scat­tano sanzioni. E la sua colpa viene proclamata al cospetto dell’opi­nione pubblica. È accaduto ieri a Vittorio Feltri, condannato in pri­mo grado dall’Ordine dei giornali­sti di Milano. I lettori di Avvenire ne conoscono benissimo il motivo: perché dal 28 agosto 2009 per die­ci giorni di fila scrisse con ferocia e malizia falsità contro Dino Boffo, per quindici anni generoso e lim­pido direttore di questo giornale, arrivando ad attaccare la stessa Chiesa. Poi – tre mesi dopo – Feltri fece ammenda, a fatica. E dopo qualche altra settimana tornò a far­si sentire, industriandosi ad alzare polveroni per coprire le proprie col­pe. Se ora, per lui, c’è ' solo' una pesante sospensione e non una de­finitiva radiazione dalla professio­ne giornalistica, non è per le corti­ne fumogene, ma perché, in qual­che modo, a dicembre, provò in parte a rimediare al malfatto. Ieri però sulla bocca di Feltri sono tornate sconcezze e oscene allusioni, anche contro la Chiesa. E questo è di una gravità intollerabile. Eppure Feltri dovrebbe averlo capito: il tempo è un giudice morale inesorabile, esalta i galantuomini ed è inflessibile con gli spacciatori di fango e di menzogne. Peccato per gli uomini politici e di governo che ieri sono stati così avventati da tenere bordone al direttore del Giornale, finendo per difendere la sua pretesa di impunità e dimenticando che, in questa storia, l’unica vittima è stato Boffo. L’Ordine dei giornalisti milanesi avrebbe forse potuto evitare di sentenziare su un caso così emblematico alla vigilia di una consultazione elettorale, ma certo nessuno può dire che questo giudizio sia arrivato troppo presto. E nessuno, soprattutto, dovrebbe essere così fazioso e cieco da non inchinarsi di fronte alla verità.