Cosa sta succedendo…

Cosa sta succedendo…


Oggi pomeriggio, con mio marito e i miei figli, sono stata alla fiaccolata per Eluana, in pieno centro a Perugia. Subito dopo c’è stato il rosario con il Vescovo Chiaretti, in Cattedrale. Diverse centinaia di persone, convocate essenzialmente via sms. 

Molto efficace il testo fatto leggere oggi durante le Messe  della Diocesi, su invito del nostro Vescovo.

L’agonia di Eluana sta mobilitando le coscienze.

In breve gli ultimi, tragici eventi: un Consiglio dei Ministri epocale che all’unanimità propone un decreto urgente per salvare Eluana dalla morte per fame e per sete; il Presidente della Repubblica che si rifiuta di firmarlo in omaggio alla Costituzione – così dice – ; la decisione del governo di trasformare il decreto in legge da far approvare in Parlamento, velocemente; lo scontro istituzionale; la regione Friuli che si rifiuta di fermare il percorso di morte di Eluana.

Vorrei chiarire alcuni punti, adesso.

1.     Se non accade qualcosa domani, il percorso di morte a cui hanno avviato Eluana con il digiuno forzato diventerà irreversibile. Alimentazione ed idratazione le sono state sospese venerdì mattina: domani, lunedì, sarà il quarto giorno di sospensione forzata di alimentazione e idratazione.

2.     E’ bene spiegare che il Senato non si è riunito prima perchè se si fosse fatta la convocazione straordinaria nel fine settimana, l’opposizione avrebbe potuto ottenere cinque giorni di sospensione, allungando ancora di più i tempi. Quello individuato dai parlamentari del PdL è la via più breve per approvare la legge salva-Eluana, che però non terminerà  prima di venerdì.

3.     I tempi della morte di Eluana sono stati accelerati, ed è stato possibile perché, come ci ha spiegato Defanti, il protocollo è discrezionale. In altre parole, i medici fanno quel che vogliono. Ricordo che Defanti è il neurologo che ci ha gentilmente spiegato – riportato da Repubblica - che la morte per disidratazione è dolcissima: evidentemente esiste un elevatissimo numero di suicidi per disidratazione, a noi finora ignoto.

4.     Per bloccare il percorso di morte di Eluana, potrebbero intervenire, nell’ordine:

a)     il Presidente della Repubblica, firmando un decreto di urgenza. Abbiamo visto come la pensa.

b)    la regione Friuli, commissariando la clinica (e oggi si è rifiutata di farlo) o applicando l’atto di indirizzo del Ministro Sacconi (ma quando mai).

c)     Il sindaco di Udine – autorità sanitaria. Ricordo che è quello che si è adoperato per far ricoverare Eluana nella clinica “La Quiete”.

d)    La procura di Udine, che ha già avviato indagini sugli esposti, ha già ascoltato testimonianze di amiche di Eluana, può intervenire sulla base delle relazioni degli ispettori. Ma il procuratore di Trieste – superiore di quello di Udine – ha già spiegato a chiare lettere che non se ne fa niente. E infatti nella procura di Udine le indagini continuano, ma le iniziative stanno a zero, e non ci sembra azzardato prevedere che non ce ne saranno di significative almeno per diversi giorni. Comunque ci dicono che in procura piovono esposti da tutte le parti.

e)     La procura di Milano, che pure ha ricevuto un esposto con testimonianze interessanti, ma qui proprio tutto tace, forse l’esposto si è perso, o forse hanno finito i giudici, chissà. Non è dato sapere.

E poi, chiaramente, potrebbero il padre, la curatrice speciale (specialissima, direi), i medici che Eluana ha intorno.

E’ chiaro quindi che, visti i soggetti coinvolti, a meno di un miracolo, la legge non arriverà in tempo per salvare Eluana. E se Eluana morirà, se la legge non arrivasse a salvarla - e potrebbe essere solo una questione di pochi giorni - discuteremo delle responsabilità (v. elenco di cui sopra).

 Vorrei anche ricordare, a scanso di equivoci, che Eluana non muore per una sentenza definitiva - come invece viene detto da alcuni che hanno pure difeso Napolitano - ma per un decreto che non è mai definitivo, e che non obbliga ma autorizza.  Ancora non è dato capire quale sia il contrasto con la Costituzione. 

Da ultimo, Marco Pannella: interessante, nella sua conversazione di oggi su Radio Radicale (grazie Antonio che me l’hai segnalata, si può ascoltare in rete) ha riconosciuto che è cambiato il clima in Italia, che adesso si parla di Eluana che muore di fame e di sete, che forse soffre, e che “rischiamo” di avere una legge in quattro giorni, fatta da Berlusconi che vuole salvare Eluana – e allora addio, proposta di Ignazio Marino sul testamento biologico, dice Pannella - e che quindi, forse, varrebbe la pena che “gliela si dia vinta”. Insomma: siamo arrivati a un punto tale di sdegno del popolo italiano (popolo ingannato, secondo Pannella), che per il momento non converrebbe andare fino in fondo al percorso di morte di Eluana. La battaglia del padre di Eluana può essere pregiudicata: sarebbe meglio – sempre secondo Pannella - che Beppino Englaro si fermi, aspetti, e faccia riprendere alimentazione e idratazione, altrimenti avremo in pochi giorni approvata una legge che impedirà di sospendere alimentazione ed idratazione nelle dichiarazioni anticipate di trattamento, in nome della cultura della vita contro la cultura della morte, una contrapposizione fra culture chiaramente intollerabile, sempre secondo Pannella, soprattutto perchè Pannella & C. sarebbero assegnati automaticamente allo schieramento mortifero.

A me personalmente, adesso, interessa solamente che Eluana viva. Preghiamo.