come volevasi dimostrare

come volevasi dimostrare

A conferma del post precedente. il Mondo Nuovo va avanti, anche grazie ad alcune amministrazioni locali. Il resto tace.

Francesca Vecchioni, annotato nome madre non biologica Nina e Cloe, 6 anni, nate da ex compagna Alessandra Brogno
(ANSA) – MILANO, 17 LUG – E’ stata ufficializzata dagli uffici del Comune di Milano l’annotazione della madre non biologica negli atti di nascita delle gemelline Nina e Cloe, 6 anni, figlie di Francesca Vecchioni, figlia del cantautore Roberto e presidente di Diversity, e della ex compagna Alessandra Brogno, con cui condivide un accordo di genitorialita’ intenzionale.
L’ufficiale di Stato ha annotato il nome di Alessandra Brogno sui documenti, siglando il pieno riconoscimento della genitorialita’ di entrambe le madri, ugualmente investite di diritti e doveri.
“Questa e’ una giornata stupenda. Non e’ facile trasmettere l’emozione di una conquista che molti genitori e’ data per scontata – ha detto Francesca Vecchioni – Nina e Cloe hanno vissuto finora nei fatti cio’ che agli atti non esisteva, ma tutelarle e proteggerle per noi e’ sempre stata una priorita’. Il riconoscimento legale di Alessandra come genitore non solo tutela le bambine legalmente ma anche socialmente perche’permette a tutta la famiglia, nonna Franca, nonno Armando, zii e cuginetti, di non essere piu’ invisibili. Ringraziamo tutte quelle persone, a partire da sindache e sindaci, che con determinazione e coraggio portano avanti prima di tutto un principio di umanita’”.(ANSA)