terremoto, migranti

Stavolta non contiamo i morti, e già questo fa la differenza, una differenza enorme.

Abbiamo avuto tanta paura, almeno io, con la seconda scossa ieri sera a Perugia, anche se quella di agosto, quando ero sui Sibillini, era stata molto più impressionante, e si capisce: l'epicentro era più vicino.

Ma si stringe il cuore a vedere Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera in macerie. Posti di casa mia, nelle Marche. Un omaggio alla signora Rita, di Castelsantangelo sul Nera che stamattina, come da 53 anni a questa parte, ha aperto il suo bar. 

E poi il mio commento sui fatti di Gorino; la paura non nasce dall'arrivo di stranieri in sé, ma dalla consapevolezza che l'Italia e l'Europa non sono in grado di far fronte all'evento che sta segnando il XXI secolo e che deciderà le sorti dell'occidente: un'ondata inarrestabile di migranti. 

nuove frontiere

Ci stiamo abituando a tutto, e forse addirittura rassegnando a tutto quello che vediamo accadere vorticosamente intorno a noi. 

Ma non dobbiamo cadere in questa trappola: le nuove frontiere della manipolazione dell'umano pongono problemi nuovi, nuove domande e soprattutto nuove contraddizioni, di cui innanzitutto dobbiamo essere consapevoli, per poterle evidenziare e per chiederne conto.  Per questo vi segnalo due miei articoli brevi, pubblicati nell'inserto "E'  Vita di Avvenire", che cercano di spiegare quali sono queste nuove frontiere. 

Il primo, di un paio di settimane fa,  riguarda il bambino (che non è il primo) nato con il Dna di tre persone.

Il secondo, di oggi, parla invece dei progressi per la produzione in laboratorio di ovociti artificiali.

 

la nuova eutanasia 2.0

I ministri olandesi di Sanità e Giustizia hanno chiesto al loro parlamento una nuova legge per riconoscere il diritto a morire anche a chi, sano, considera la propria vita “completata”. Persone che “non vedono più alcuna possibilità di dare un senso alla loro vita, patiscono profondamente la perdita di indipendenza e rimangono isolati o da soli forse perché hanno perso la persona amata… ma per mettere fine alla loro vita hanno bisogno di un aiuto".

Per continuare a leggere il mio articolo su l'Occidentale, clicca qui.

Trump e Clinton

Mentre i giornaloni di mezzo mondo vorrebbero far dipendere la Presidenza degli Stati Uniti di America dalle stupide fanfaronate da bar di anni fa di Trump - se fosse quello il metro, cosa dovremmo dire delle ossessioni sessuali di Kennedy, che non sono riuscite neppure a scalfire il suo mito, e comunque quello che Trump molto volgarmente ha detto 10 anni fa da privato cittadino, Bill Clinton l'ha fatto dentro la Casa Bianca mentre era Presidente USA - voglio segnalare alcune notizie riguardanti i coniugi Clinton, rilanciate da una fonte sicuramente non sospetta, e cioè un blog de Il Fatto Quotidiano, di Loretta Napoleoni. Trattasi delle opacità - molto gravi- della Fondazione Clinton, che comprendono anche la "ricostruzione" di Haiti, che pare non abbia ricostruito granché, visto quello che sta succedendo in queste ore.

cattolici e ortodossi a Tbilisi (Georgia)

In ritardissimo, ma lo devo fare: ringrazio la mia amica Alessandra che mi ha telefonato quasi in diretta durante il discorso a Papa Francesco di Ilia II, il Patriarca ortodosso georgiano. Emozionatissima la mia amica, e io più emozionata di lei, quando mi ha letto il seguente passaggio del saluto di Ilia II al Papa:

“Insieme alla Chiesa Cattolica in Georgia, abbiamo organizzato alcuni convegni sui temi di bioetica e riteniamo che questa direzione di ricerca possa creare una buona prospettiva di collaborazione.”

Emozionatissima, dicevo, perché IO C’ERO a quei convegni, almeno a tre: 12 novembre 2013; 7-9 maggio 2014; 4,5 novembre 2014, sempre a Tbilisi, invitata da Giuseppe Pasotto, vescovo della Chiesa cattolica in Georgia di rito latino, e Gabriele Bragantini, vicario episcopale per la cultura e l’ecumenismo della Chiesa Cattolica in Georgia.

Al termine dell’ultimo convegno noi relatori, insieme agli organizzatori, siamo stati ricevuti proprio da Ilia II, nel Patriarcato a Tbilisi, che ha una sede bellissima. Come avete potuto vedere in TV, il Patriarca è molto anziano, ma ha voluto riceverci: le tematiche della bioetica – io ho parlato soprattutto di utero in affitto – interessano moltissimo lui e la chiesa ortodossa tutta. In quell'occasione, dopo aver ascoltato da noi il resoconto dei lavori,  Ilia II ha voluto ricordare, con toni molto affettuosi, il suo incontro con Giovanni Paolo II, tanti anni prima, dicendoci che si erano promessi di pregare sempre reciprocamente l’uno per l’altro. Abbiamo ascoltato poi la struggente Ave Maria che lui stesso ha composto - ascoltata e apprezzata anche da Papa Francesco - e ognuno di noi ha ricevuto in dono un cofanetto con due cd di canti e salmi, sempre musicati da lui (compresa l’Ave Maria), realizzato in occasione del suo ottantesimo compleanno e del 35° anniversario della sua investitura come Patriarca.

Ho un ricordo vivissimo di quell'incontro, molto intenso, e il fatto che lui abbia voluto ricordare quei convegni a Papa Francesco mi ha confermato la netta impressione di allora, e cioè che il riceverci non era stata una formalità, né una semplice gentilezza: quei convegni pubblici delle due chiese insieme erano stati eventi importanti e fortemente voluti.

“Fra vent’anni sulla terra l’umanità sarà ancora così come la conosciamo noi da sempre, oppure vivrà una razza umana differente?” era questa la domanda con cui mi aveva accolto nel suo studio, appena arrivata a Tbilisi, P. Adam, Archimandrita, Rettore della St. King Tamar University of Medicine del Patriarcato della Georgia, che ha partecipato a tutti e tre i convegni per conto della Chiesa ortodossa. Domande e preoccupazioni comuni che, nonostante l’evidente fatica del confronto fra le due chiese, sono una strada concreta per una collaborazione fattiva e un dialogo vero con i nostri fratelli ortodossi, proprio sui temi che ci stanno più a cuore: quelli della rivoluzione antropologica. 

a proposito dell'eutanasia di un ragazzino in Belgio

Dicono che la legge belga che consente l’eutanasia anche ai bambini, senza limiti di età, sia “rigorosa”. La Prof.ssa Claudia Mancina, docente di Etica alla Sapienza di Roma, si è spinta a dire che se la legge belga finora non era stata mai applicata ai minori, allora vuol dire che è “ben fatta”: chissà se si è resa conto che, continuando il suo ragionamento, visto che invece, in dieci anni le richieste di eutanasia per i maggiorenni sono continuamente e considerevolmente aumentate, si dovrebbe dedurre che la legge in generale è stata un totale disastro, e andrebbe ritirata.

Per continuare a leggere il mio commento su l'Occidentale, clicca qua.

il bio-intrigo della banca del Dna, ovvero: a chi appartiene il nostro corpo?

Sotto i nostro occhi, un bio-intrigo internazionale che parte dalla Sardegna e che non dobbiamo sottovalutare. Non è roba per addetti ai lavori, ma riguarda tutti noi. Sarà un precedente molto importante, perché pone LA domanda: a chi appartiene il nostro corpo?

Su Avvenire, il bio-intrigo internazionale della banca del Dna dei sardi centenari

Festa del NO a Matera - 8,9 settembre

Si terrà giovedì 8 e venerdì 9 settembre, a Matera in piazza San Giovanni, la “Festa del NO” promossa dai comitati “Civici e Riformatori per il NO” e dal quotidiano “L’Occidentale”. La due giorni, dedicata alle ragioni del No al referendum costituzionale, si aprirà giovedì 8 alle ore 16:00 con la presentazione di Roberta Angelilli e Pino Bicchielli. Alle 16:30 parola agli amministratori locali che discuteranno dell’impegno civico per il NO: interverranno Guido Castelli, Roberto Dipiazza, Mauro Di Dalmazio, Claudia Porchietto, Piergiorgio Massidda, Alberto Morano e Guglielmo Vaccaro

Alle 17:30 Nicola Porro intervisterà Stefano Parisi. A seguire, alle 18:30, moderati da Bianca Berlinguer, Maurizio Belpietro, Arturo Diaconale, Carlo Freccero e Silvia Truzzi discuteranno di “Informazione e referendum: il No censurato”. Chiuderà il primo pomeriggio di dibattiti una tavola rotonda dei “Cattolici per il No”, con Francesco Agnoli, Luigi Amicone, Dino Boffo, Carlo Giovanardi, Alfredo Mantovano, Vincenzo Massara, Eugenia Roccella, Mauro Ronco e Maria Rachele Ruju. La sera, alle 20:30, ci sarà uno spettacolo in piazza durante il quale verranno raccolti fondi per le popolazioni colpite dal terremoto. 

La seconda giornata, venerdì 9, si aprirà alle 11:00 con un dibattito dedicato al centrodestra e intitolato “Dal No all’alternativa di governo”. Interverranno Andrea Augello, Cinzia Bonfrisco, Renato Brunetta, Edmondo Cirielli, Giuseppe De Mita, Maurizio Gasparri, Giancarlo Giorgetti e Giulio Tremonti. Alle ore 14:30 si terrà un’assemblea dei comitati “Civici e Riformatori per il No”, con Vincenzo Piso e Maria Ida Germontani, mentre alle 17:00 ci si interrogherà sul post referendum in una tavola rotonda dal titolo “Se vince il No non c’è il diluvio”, che vedrà la partecipazione di Lelio Alfonso, Paolo Cirino Pomicino, Tito Di Maggio, Mario Esposito, Raffaele Fitto, Miguel Gotor, Paolo Romani e Sofia Ventura. Alle ore 19:00, chiuderà la festa l’intervento del presidente di “Idea”, il senatore Gaetano Quagliariello

Alla festa hanno garantito la loro presenza anche i presidenti di comitati per il No e diversi parlamentari e consiglieri regionali. “I referendum – afferma Quagliariello, animatore della festa – hanno sempre creato schieramenti trasversali. Ognuno arriva all’appuntamento con il bagaglio delle proprie idee e dei propri princìpi, ma anche con l’impegno di creare una sintesi. Questo è lo spirito dell’incontro di Matera. Avrebbe dovuto essere anche lo spirito della riforma costituzionale, che invece – conclude – Renzi ha tradito”.

Qua il link al programma

il terremoto, le vecchie case di famiglia e i soldi non spesi (dalla regione Lazio)

Eravamo in tanti, come tutti gli anni, in vacanza nei paesini dell’appennino marchigiano. Quello dove ero io non è stato danneggiato – frazione Meriggio di Acquacanina, nel parco dei Sibillini, non più di una trentina di km in linea d'aria da Arquata – e ce la siamo cavata con un grandissimo spavento, una notte passata con vecchi e bambini in macchina, dove tutte le scosse ce le siamo sentite per intero, e la fuga veloce verso casa, la mattina dopo. Non è stato per me il primo terremoto, ma sicuramente il più pauroso, il più brutto.

Ma guardando i tiggì e ascoltando le storie, stavolta il cuore si è stretto un po’ di più rispetto ad analoghe, tragiche cronache del passato. 

Per continuare a leggere, clicca qui, su l'Occidentale.

Pagine