Charlie, il Bambin Gesù e quella surreale udienza inglese

“Noi non abbiamo l’abitudine a interrompere la ventilazione meccanica. In genere siamo abituati a fare la diagnosi di morte cerebrale e in quel caso interrompiamo naturalmente le cure. […] Il bambino io l’ho visitato, era reattivo, aveva una miosi reattiva".

Clicca qui per leggere su l'Occidentale quanto successo a Roma nella conferenza stampa dell'Ospedale Bambin Gesù, e a Londra, in una udienza surreale.