politica due

Per capire perché il Pd non vuole le elezioni anticipate a breve, bisogna capire cosa sta succedendo in quel partito. Il progetto di Bersani, insieme a D’Alema, è quello di farne un partito di sinistra, per allearsi poi con uno di centro: la Margherita non c’è più, e allora stavolta ci sarebbe l’Udc. Ma questo progetto a tavolino scontenta tutti: allearsi contemporaneamente con Di Pietro, con Vendola e con l’Udc non è possibile. Qualcuno deve rimanere fuori. E il Pd di Bersani&D’Alema, presi da soli, ha l’anima moscia, nasce vecchio, non ha identità. Le due vere personalità a sinistra, piaccia o no, quelle che hanno una rappresentatività e un consenso reali, sono Matteo Renzi, il giovane sindaco di Firenze, e Nichi Vendola, il governatore pugliese con l’orecchino e l’eloquio magnetico. Bersani&D’Alema vedono tutti e due come fumo negli occhi, ma non potranno fare a meno di farci i conti. Per chi vuole approfondire, qua due lunghi, e interessanti articoli di Ceraza (da Il Foglio) :  il primo, titolato Pd, partito della diaspora, e il secondo Il Renzi che non avete ancora letto.